Blockchain: cos’è e come funziona

Cos’è la blockchain? Come funziona? Se volete una risposta a queste domande, siete nel posto giusto.

La blockchain è letteralmente una catena di blocchi resi sicuri mediante l’uso della crittografia. Ogni blocco di questa catena contiene un puntatore hash che lo collega al blocco precedente, un timestamp e tutti i dati della transazione. Una catena di blocchi è fondamentalmente un registro aperto e distribuito che può registrare le transazioni tra due parti in modo sicuro, verificabile e permanente. Quindi, chi dice che tutte le criptovalute favoriscano le attività illegali sta sbagliando di grosso, poichè le transazioni effettuate su una blockchain sono pubbliche e di conseguenza visibili anche alle forze dell’ordine. Una volta registrati, i dati in un blocco non possono essere retroattivamente alterati senza che vengano modificati tutti i blocchi successivi ad esso, il che necessiterebbe il consenso della maggioranza della rete.

L’applicazione della blockchain al Bitcoin ha creato la prima criptovaluta che risolvesse il problema della doppia spesa.

La blockchain è descritta come un protocollo di scambio valuta e su di essa sono registrate tutte le transizioni fatte in Bitcoin dal 2009 ad oggi, rese possibili dall’approvazione del 50%+1 dei nodi che compongono la blockchain stessa.

La blockchain decentralizzata sfrutta il passaggio di messaggi ad-hoc e un networking distribuito per fare in modo di memorizzare i dati su tutta la sua rete ed evitare di avere un single point of failure in modo che i cracker non possano sfruttare questa centralizzazione per abbattere l’intero sistema.

Ci sono vari metodi di sicurezza che la catena adotta per rendere sicuri i propri blocchi. Uno di questi sistemi è la crittografia a chiave pubblica

La chiave pubblica è un indirizzo sulla blockchain. I token di valore inviati nella rete vengono registrati come appartenenti a questo indirizzo. La chiave privata, invece, è una password che permette al suo proprietario di accedere alle proprie risorse digitali oppure di interagire con le varie funzionalità della blockchain. I dati salvati sulla blockchain sono considerati incorruttibili.

Le transazioni effettuate sono raggruppate nei blocchi della catena e il numero di transazioni all’interno di ognuno di questi blocchi varia in base alla dimensione della transazione stessa. La dimensione della transazione, invece, varia in base al numero di input e di output della stessa. Un blocco è composto da due parti principali: l’header e il body. Mentre le transazioni sono racchiuse nel body del blocco, nell’header sono presenti sette campi di gestione del blocco stesso.

Per alcuni la catena di blocchi è la nuova generazione di Internet, o la Nuova Internet. Si ritiene che possa rappresentare una sorta di Internet delle Transazioni e per coloro che guardano oltre al concetto di transazione la blockchain può rappresentare la Internet del Valore. Per altri è la rappresentazione digitale di quattro concetti molto chiari e forti: decentralizzazione, trasparenza, sicurezza e immutabilità.

Se volete essere sempre aggiornati sui miei nuovi articoli entrate nel mio canale telegram:

https://t.me/ItaloPaluzzi

Se volete parlare di criptovalute passate da questo gruppo telegram:

https://t.me/cryptoclub2018

Precedente Litecoin: cos'è? Successivo Monero: cos'è?