Eco-mining: minare Bitcoin con l’energia solare

Minare Bitcoin consuma troppa energia e questo penso lo sappiamo tutti, ma nessuno (o quasi), fino ad ora, si era adoperato per tentare di risolvere questo “problema”. Ho detto “fino ad ora” perchè, da non molto tempo, è nata, in Moldavia, una mining-farm alimentata con l’energia del sole.

Gli oltre tremila pannelli fotovoltaici rendono, questa struttura ecosostenibile, (dedicata all’eco-mining) una tra le più grandi del paese e questo è stato reso possibile grazie a Consulcesi Tech, hi-tech company con sede in Svizzera e grazie anche a Fly Ren Energy Company, società italiana operante nel campo della produzione di energia solare.

Risultati immagini per green world

Entrambe le compagnie, con questo progetto, hanno puntato all’eco-mining, processo informatico che si trova alla base della creazione di nuove valute digitali che riduce le spese riguardanti l’energia.

La struttura in questione, dedicata all’eco-mining, è stata realizzata a Chisinau, presso l’Accademia delle Scienze. Grazie all’uso dei numerosi pannelli fotovoltaici, ogni anno, verranno risparmiati 550 tonnellate di CO2 e 240 Tep.

Unisciti al canale Telegram per restare aggiornato

Passa dalla pagina Facebook per articoli inediti

Precedente L'orologio di lusso che si paga in Bitcoin Successivo Blue Frontiers: isola basata sulle criptovalute