Mining di Bitcoin

Il mining è uno dei tanti modi di ottenere Bitcoin. Un altro modo per farlo è affidarsi a dei faucet. Di questo ne ho parlato nel mio precedente articolo (link a fondo pagina).

Bitcoin non è fatto né di carta né di metallo, ma come ci suggerisce il nome è fatto di bit,numeri, operazioni matematiche. Essendo virtuale, il suo funzionamento si basa su una complessa serie di calcoli che hanno a che fare con la crittografia, in modo da garantirne la sicurezza. La maggior parte di questi calcoli sono necessari per verificare che le transazioni virtuali siano effettuate in maniera lecita e sicura. Infatti, se un utente effettua una transazione, bisogna verificare che i Bitcoin partiti dal suo portafogli digitale arrivino al destinatario, affinchè non si verifichi il fenomeno chiamato “doppia spesa” .

Queste verifiche vengono fatte da utenti specializzati chiamati “miner”. Queste persone mettono a disposizione la potenza di calcolo dei propri computer al fine di verificare con successo le transazioni di Bitcoin effettuate. In cambio di questo ricevono Bitcoin gratuiti.

Inizialmente questo processo poteva essere fatto da tutti, infatti, non era così dispendioso come lo è oggi, bastava un computer di discreta potenza e ovviamente bisognava conoscere ciò che si stava facendo.

Oggi che la faccenda si è fatta più dispendiosa, sia per i PC usati che per l’energia consumata, i miner più aggressivi utilizzano server in grado di risolvere i quesiti e generare bitcoin più in fretta. Così facendo si è in grado di accumulare una maggior quantità di moneta virtuale.

Escludendo la creazione dei Server farm e dell’uso del vostro PC casalingo, potete affidarvi alla rete. Negli ultimi anni, infatti, sono nate delle strutture – chiamate mining pool – dove tutti i partecipanti mettono a disposizione le proprie risorse informatiche, dividendosi poi i guadagni in base al proprio contributo. Il problema è che il vostro contributo, con un computer casalingo, equivale a una goccia in mezzo al mare. Ma se avete risorse economiche per dotarvi di una rete con grande potenza di calcolo, un tentativo potrebbe valerne la pena.

Ecco il link del mio articolo precedente:

Faucet Bitcoin: cosa sono e come funzionano

Precedente Faucet Bitcoin: cosa sono e come funzionano Successivo La lira ritorna in italia come criptovaluta